Nina West, Germania 2016, 88'

Nocedicocco è un draghetto sputafuoco. Ancora non ha imparato a volare ed anche lo sputare fuoco gli riesce difficile. Il nonno è l’unico che ha fiducia in lui e gli assegna un compito importante: sorvegliare la rara Erba di Fuoco necessaria ai draghi come combustibile. Distratto da un vitellino in pericolo, Nocedicocco perderà l’Erba; si darà il via così ad una lunga serie di avventure per recuperarla.

Sinossi

La storia di Nocedicocco è ispirata agli omonimi libri per bambini scritti da Ingo Siegner pubblicati in Italia da Einaudi Ragazzi nella collana ‘Storie e rime‘.

Le avventure del piccolo drago Kokosnuss (Nocedicocco) ed i suoi due amici Oscar e Matilda sono state raccontate in più di 20 libri tradotti in 17 lingue.

Il protagonista è un piccolo drago che viene incaricato di fare la guardia all’erba del fuoco, erba che ha reso potenti i draghi del loro clan, i temibili Sputafuoco. Per aiutare il suo migliore amico a salvare un vitellino che ha come destino quello di essere mangiato, il draghetto perde di vista l’erba preziosa e dovrà per questo fare di tutto per recuperarla. Riuscirà il piccolo drago a risolvere la situazione?

Approfondimenti

Diventare grandi

Nocedicocco non è ancora pronto per volare. Lo dimostra davanti a tutti facendo una figuraccia a scuola. È vero, non è ancora in grado di usare le ali come un vero drago, ma ha tante risorse che gli permettono di cavarsela in ogni situazione.

Suo nonno, che forse si rivede in lui, lo asseconda assegnandogli un compito che sembra proprio un’opportunità di riscatto. A questo livello di lettura apparirà molto chiaro ai bambini il desiderio di diventare grandi, un tema molto popolare tra i più piccoli che potranno ritrovarsi facilmente nel protagonista.

Diventare grandi vuol dire essere autonomi e saper gestire il tempo e le cose. Nocedicocco lo imparerà presto, attraverso un viaggio avventuroso e pericoloso, e ce la metterà tutta per non deludere le aspettative del nonno, degli amici e della comunità dei draghi.

Rispetto delle regole

I genitori di Nocedicocco ricordano continuamente al loro piccolo ciò che si deve fare per vivere in sicurezza e nel rispetto delle regole. Questo pesa al nostro draghetto che non è l’unico a contestarle. Nel film è evidente la distanza comunicativa tra i draghi adulti e i loro cuccioli, i primi, preoccupati di far rispettare i limiti e i veti imposti (anche tra adulti vi sono tensioni dovute agli stessi motivi) non vengono assecondati di buon grado dai secondi che fanno prevalere spontaneità, amicizia e curiosità nei confronti del mondo.

Amicizia

La storia ha come sfondo una grande amicizia tra il nostro protagonista piccolo drago sputa fuoco che non sa ancora volare, Oscar, il piccolo drago mangione che in realtà è però vegetariano e Matilda, una giovane e brillante cucciola di riccio ma che drago non è! Pur essendo molto diversi tra loro, i tre amici riescono a superare le avversità della loro avventura nella valorizzazione delle differenze, ottenendo nel finale un lieto fine che coinvolge anche i protagonisti adulti. La purezza d’animo dei più giovani ci ricorda ciò che ci può rendere adulti più felici e sereni.

Spunti didattici

  • LE REGOLE. Quali sono le regole dell’Isola dei Draghi? Ogni comunità ne ha diverse. Ricordiamole insieme ai bambini. Chiediamo loro se hanno compreso il significato di quelle regole e cosa può succedere se vengono infrante. Facciamo un parallelo con le regole che ci sono a scuola e valutiamo i rischi del non rispettarle (una buona occasione per rappresentarle con foto o disegni da tenere sempre presenti). Indaghiamo sulle regole che i bambini hanno a casa e confrontiamoci.
  • I NONNI O PERSONE ESTERNE DI FIDUCIA. Facciamoci raccontare da chi i bambini si sentono compresi e valorizzati e disegniamo o trascriviamo qualche esperienza significativa.
  • VOGLIO DIVENTARE GRANDE. Cosa voglio imparare a fare da solo? Cosa farò da grande? Chi è il mio modello?
  • I MIEI AMICI. Chi sono i miei migliori amici? Cosa mi piace fare con loro? Racconto e disegno un momento speciale che ho vissuto in loro compagnia.
  • I DRAGHI. Ne esistono di ogni tipo, sono presenti in tante storie. Leggiamo quelle preferite dai bambini e poi disegniamo tanti draghi e i loro poteri!